lunedì 3 settembre 2012

neo liberismo

Dietro a scelte tanto drastiche sembra non esserci una lucida razionalità che persegue il bene pubblico. Ciò che salta agli occhi è l'apparente illogicità e assurdità di certe scelte. Ma se guardassimo con maggiore attenzione l'insieme delle politiche ora in corso, si può cogliere e andare alla radice di quale sia il vero percorso che stiamo intraprendendo: il trionfo del denaro, dei ricchi sui poveri, dell'ingiustizia sociale, del decretato fallimento del popolo sovrano (così prersente nella Costituzione Italiana).
I poteri forti e la concorrenza non potranno garantire l'assolvimento di servizi pubblici perchè essi stanno venendo meno come valore in sè.
Chi avrà i mezzi avrà servizi privati e chi non potrà permetterseli (con le proprie risorse economiche) sarà drammaticamente escluso dagli stessi.

Il mercato non porta alla vera concorrenza e a veri risparmi (così come vogliono farci credere) perchè la tendenza naturale del mercato è quella che va verso posizioni monopolistiche e oligarchiche e di desiderare l'esistenza di una massa povera e ubbidiente.

Queste non sono fantasie ma il disegno verso cui il neoliberismo conduce.

Quello per cui, con un nuovo e attuale spolvero, la Thatcher dichiarava l'assenza di alternativa.

Quello che ci vogliono far credere, e ci hanno inculcato a suon di propaganda, instillando in noi l'uso di parole di cui neppure conosciamo il significato ma che sono diventate credenze, e cioè il pensiero unico, non è la verità, non è la nostra religione.

La dittatura assume oggi nuove forme, diventa dittatura senza concreto e improvviso e evidente sovvertimento dello status quo. Si insinua nel pensiero comune e diventa il pensiero di tutti. Il passo verso condizioni estreme è breve.
I capri espiatori non sono ben individuati. Sono tanti e diversi e cambiano in continuazione in modo da rimescolare in continuazione le carte. Alle parole non corrispondono verità ma le parole servono allo scopo di aumentare il caos, di gettare il popolo nel disordine.

Il nuovo ordine mondiale si regge sul lavaggio del cervello di persone che credono di pensare con la propria testa ma che invece sono state lobotomizzate e anestetizzate da anni di capitalismo, berlusconismo, credulenze (proprio così).

Ora che le merci non hanno più valore nel gioco del denaro perchè ora è il denaro che crea maggiore denaro....e non è più legato a qualcosa di reale...
in quale follia ci affosseremo?

Quella che distruggerà la terra: è lì che l'uomo andrà a finire!

ps: dicono tutti che non ci sono più risorse, che non ci sono più i soldi. Ma tutte quelle tasse? dove vanno? e perchè il debito aumenta? e perchè noi siamo finiti nel fiscal compact? Ma siamo sicuri che è questo ciò che vogliamo?

Essere schiavi per che cosa?
E come può essere considerata una scelta giusta, ragionevole, necessaria?

Prendono queste decisioni e le costruiscono in modo che siano "senza confronto". Me che democrazia è se è senza confronto?
Io rivendico, nonostante tutto, lo stato democratico. Rivendico il confronto. E accuso i chierici di essere asserviti e accuso Monti di aver richiesto pubblicamente il tradimento delle "teste pensanti" in favore di una causa "a scatola chiusa".

Nessun commento:

Posta un commento